Come scoprire i tarli del legno

Scoprire se il legno della nostra abitazione è stato infestato dai tarli non è un’operazione troppo difficile. Bisogna, infatti, porre attenzione a determinati particolari e precise caratteristiche che ci aiutano a comprendere se il legno è infestato o no. Scopriamo quali sono i primi segnali di un’infestazione:

Segatura (rosume)

Il rosume è la polverina molto fina che si trova in prossimità di mobili, arredamenti o sotto le travi infestate dai tarli. Il rosume in pratica non è altro che la segatura del legno, prodotta però dai tarli nella loro opera di scavo. Una volta adulti, i tarli, spingono verso l’esterno (fase di sfarfallamento) e produco dei forellini sulle superfici del legno.

La diversa consistenza e la quantità di rosume aiuta a capire quali tipo di tarlo ha infestato il legno della nostra abitazione e il grado dell’infestazione.

Fori di sfarfallamento

legno con tarli
L’indizio più diffuso, grazie a cui si può avere la conferma che il legno della casa sia stato infestato dai tarli, sono i fori di sfarfallamento.

I fori di sfarfallamento sono dei piccoli buchi (visibili ad occhio nudo) che vengono scavati dal tarlo adulto durante la fase di evasione. L’adulto del tarlo, alla fine della sua fase di riproduzione, sfarfalla con lo scopo di accoppiarsi e deporre le uova.

Le varie dimensioni dei fori indicano una diversa specie di tarlo.

Rumore di rosicchiamento

Il rumore di rosicchiamento o il ticchettio che proviene dal legno è un altro indizio che indica l’infestazione del legno. Però è bene sapere che non tutte le specie di tarli producono il rumore di rosicchiamento. Soltanto due tipologie fanno questo tipo di rumore:

  • Tarli Cerambicidi: il loro scavo provoca il rumore di rosicchiamento.
  • I Grandi Anobidi: detti anche orologi della morte perché il loro richiamo sessuale e simile al ticchettio di un orologio.

Ritrovamenti tarli adulti

In casi di infestazione non è difficile ritrovare tarli adulti sfarfallati dal legno. Molto spesso è possibile ritrovare carcasse di tarli che hanno esaurito il loro ciclo vitale. Oppure si possono avvistare tarli che volano da un manufatto all’altro alla ricerca di un posto dove deporre le uova.

I tarli adulti non sono però il problema dell’infestazione: il danno all’interno del legno avviene soprattutto durante la fase di crescita e la deposizione di uova porterà alla nascita di una nuova generazione intestante. La disinfestazione infatti deve essere affrontata alla radice, accertandosi di eliminare adulti, larve e uova con metodi sicuri, professionali, certificati e definitivi.