Topo di fogna: come riconoscere un’infestazione

Topo di fogna 

Identificazione del topo di fogna in casa 

È essenziale saper distinguere il topo comune dal topo di fogna: ma come riconoscere un’infestazione? Sai già che questi roditori sono alcuni dei parassiti più diffusi etremendi al mondo – danneggiano e contaminano cibo e i manufatti e insidiano la salute dell’uomo e dei suoi animali. Le persone solitamente non vedono concretamente i topi perchè i segni della loro presenza sono relativamente facili da identificare molto prima che si materializzino in carne ed ossa. Le due specie principali con cui possiamo trovarci ad avere a che fare sono il topo domestico e il topo di fogna. Il primo, nome scientifico mus musculus , è chiamato anche topo comune o topolino di campagna, vive nei cespugli e nella fitta vegetazione. Negli ambienti domestici cerca luoghi sicuri ed elevati come soffitti e armadi dove poter nidificare. Tutti i topi possono entrare in casa arrampicandosi su alberi e cornicioni attraverso le finestre, ma anche infilandosi nelle più piccole aperture. I topi di fogna o anche pantegane, nome scientifico rattus norvegicus, sono identificabili dal corpo tozzo, bruno-grigio. La coda è più corta della lunghezza del corpo, orecchie e occhi sono piccoli rispetto al resto del corpo. Il ratto di fogna, chiamato anche ratto della Norvegia o topo marrone, è più grande della maggior parte delle altre specie di ratto. I topi di fogna allestiscono i nidi con materiali fibrosi, come carta stropicciata e stoffa. Questo tipo di roditore tende a colonizzare i livelli inferiori degli edifici, come scantinati, cantine e garage. Il topo di fogna è generalmente più grande del topo comune, e, se i ratti giovani possono a volte essere scambiati per topi, estremità sproporzionatamente lunghe e testa sovradimensionata dovrebbe riuscire a fugare ogni dubbio. Entrambi i roditori sono in grado di masticare superfici dure e legno, ma i segni dei denti del topo di fogna sono molto più grandi di quelli dei topi comuni.

Vedi anche  Punture di pulci

Un’ infestazione che lascia il segno

Per un efficace controllo dei parassiti, è necessario determinare con che tipo di topo hai a che fare. Anche il topo di fogna è responsabile della trasmissione di molte malattie e può compromettere con le sue abitudini alimentari e i suoi comportamenti di nidificazione la struttura degli edifici infestati. A differenza dei denti di altri mammiferi, gli incisivi anteriori dei roditori non smettono mai di crescere, tratto condiviso da tutti i roditori, dal più piccolo topo alla più grande capibara. Osservando topi e ratti in cattività che non hanno nulla da mordere, è stato scoperto che questi incisivi possono crescere fino a cinque cm all’anno. Per mantenerli ad una lunghezza accettabile hanno bisogno di trovare sempre qualcosa di più tenero dei loro denti da rosicchiare, tra cui fogli di plexiglass, calcestruzzo indurito, mattoni, scatole di cartone, legno e allumini

topo di fogna

o, cavi elettrici. In alcune città, la popolazione di ratti supera di gran lunga la popolazione umana. L’acqua non ferma i topi di fogna. Possono nuotare in acque libere, immergersi negli scarichi, viaggiare nelle condutture fognarie, anche contro forti correnti d’acqua. I segni più importanti dei ratti sono le tane (lungo i muri di fondazione), gli escrementi, le piste di foraggiamento, i segni di rosicchiamento, l’odore muschiato, i pacchi di cibo danneggiati dai e, ovviamente, l’animale , vivo o morto. I ratti preferiscono nascondersi, se c’è abbastanza spazio, quindi, quando li vedi, è probabile che esista già una vera e propria infestazione. Quando lo spazio diventa limitato a causa dell’aumento della popolazione, i topi sono costretti a uscire allo scoperto. Dove c’è una popolazione di ratti in buona salute che si nutre, c’è anche una cospicua dose di escrementi. I ratti tendono a seguire sempre lo stesso percorso e a lasciare lungo le pareti e sulle travi di legno tipiche strisce di accumulo di unto ( una serie di linee parallele e leggermente ricurve dovute al grasso del pelo chiamate piste di foraggiamento). Gli escrementi freschi hanno la forma di fuso, sono di colore scuro e consistenza morbida, ma dopo 3 giorni perdono il colore scuro. Impronte e tracce di coda possono essere rilevate dalla polvere. Utilizza polveri di rilevamento come il talco per determinare se i roditori frequentano determinate zone.

Vedi anche  Come eliminare un nido di vespe

Una differenza importante

Quando sono disponibili cibo, acqua e riparo, le popolazioni di ratti possono aumentare rapidamente. Mentre la forma più efficace di controllo è limitare l’approvvigionamento alimentare, il riparo e l’accesso agli edifici, è spesso necessario il controllo diretto della popolazione. In questo caso rivolgiti con fiducia ai nostri tecnici della derattizzazione che sono in grado di capire quale strategia seguire per eliminare l’infestazione. I topi di fogna sono molto attenti e sceglieranno di evitare novità sul loro cammino finché non avranno avuto il tempo di abituarsi. Per questo motivo, è necessario armare le trappole solo dopo averle lasciate sul percorso del topo per qualche tempo. I topi comuni, invece, sono molto curiosi e con loro si può fare esattamente il contrario, lasciando la trappola armata lungo il loro percorso.

 

Richiedi un preventivo gratuito qui per una derattizzazione professionale e sicura ! 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile usare questi HTML tags e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>