Tarli del legno come eliminarle

Tarli del legno come eliminarle?

I tarli del legno sono degli insetti che si nutrono di cellulosa, scavando delle gallerie all’interno dei mobili e delle travi presenti in casa. Il legno, materia prima pregiata il cui utilizzo nell’ambito delle costruzioni è sempre più in voga, può essere colpito seriamente da un’infestazione da tarli. Prendere subito provvedimenti e rivolgersi a esperti nel settore delle disinfestazioni da tarli del legno è doveroso per arginare il proliferarsi di questi spiacevoli ospiti nelle proprie abitazioni.

 

Tarli del legno, conoscerli per eliminarli

I tarli del legno si distinguono in varie specie: cerambicidi, anobici e lictidi. I primi risultano più grandi rispetto agli altri due tipi, raggiungendo anche i 20 mm. Una femmina di tarlo gravida può generare fino a 400 tarli, sviluppando una colonia numerosa. Il legno garantisce loro un habitat naturale dove essi possono insediarsi alla perfezione. Le alterazioni di questo materiale dovute all’umidità, al calore producono deformazioni perfette per questi spiacevoli insetti. Essi, scavando delle gallerie all’interno del legno, spesso possono imbattersi fuori dalle loro tane, molestando pericolosamente gli umani. Le punture da tarlo del legno sono molto dolorose: basti pensare che un solo tarlo può pungere fino a 10 volte una persona. Queste punture provocano dei ponfi pruriginosi e una dermatite acuta. Ma come accorgersi di un’infestazione da tarli? Questi esserini rosicchiano la parte nobile del legno, scavando in profondità e generando una polverina simile a segatura. Sarà possibile trovare tracce di questo materiale in casa, in prossimità dei mobili. Analizzando poi il mobilio, si riscontreranno dei buchi anche a occhio nudo, potenziale segno di un’infestazione da tarlo. Essi non sono altro che i fori utilizzati dalle larve quando abbandonano l’uovo. Al termine del loro ciclo biologico, la larva si impuperà e abbandonerà il “nido” sfarfallando dal foro del mobile quando è giunta in età adulta.

Vedi anche  Cimici verdi e cimici marroni: quali sono le differenze e come eliminarle

 

Ecco come eliminare i tarli del legno

Tarli del legno come eliminarle

 

Quando i tarli del legno invadono le case, rosicchiando il parquet, le travi del soffitto, i mobili e le strutture del divano, è il momento di correre ai ripari. Una disinfestazione specializzata si basa su un sopralluogo che identifica il tipo di tarlo presente nel legno. I trattamenti antitarlo prescelti agiscono sulle larve e sugli adulti, ripristinando la tranquillità in casa. Questi prodotti sono studiati appositamente per ogni specie. Non nuocciono alla salute delle persone e degli animali presenti in casa e rispettano l’ambiente circostante. In presenza di infestazioni gravi, una soluzione efficace e definitiva si ottiene utilizzando speciali macchinari. Uno staff competente in disinfestazioni tarli svolge una lotta ai tarli del legno in modo tecnologico e rapido, utilizzando un innovativo immettitore di onde elettromagnetiche. Esso innalza le temperature del mobilio fino a raggiungere i 75° C, letali per questi piccoli esserini. Sappiamo infatti che il legno in genere tollera una temperatura che può giungere fino a 200° C, quindi questo sistema non provoca danni all’arredamento presente in casa. Speciali soluzioni impregnanti verranno applicate nelle crepe del legno, garantendo una protezione a lungo termine.

 

Come richiedere un preventivo gratuito per una disinfestazione tarli a Roma?

 

La richiesta di un preventivo completamente gratuito è molto semplice: CLICCA QUI E INSERISCI I TUOI DATI NELLA FORM! La richiesta è completamente gratuita e priva da vincoli d’obbligo.