Tarli del legno: come sono fatti e come si riconoscono?

Tarli del legno: come sono fatti e come si riconoscono? Può capitare di imbattersi nei tarli del legno in casa, ovvero dei parassiti che si depositano all’interno di oggetti o mobili in legno. Per affrontare al meglio questo problema ed evitare il rischio di infestazione è opportuno saper riconoscere questi ospiti sgraditi e intervenire in modo adeguato per eliminarli definitivamente.

Tarli del legno: le abitudini

Non sempre si è in grado di riconoscere i segnali della presenza dei tarli del legno in quanto si tratta di un parassita che può essere di varie specie, anche molto differenti tra loro, quindi può capitare di confonderli. Si tratta di insetti parassiti che si nutrono del legno danneggiando il materiale attraverso la formazione di una rete di cunicoli. Questa loro abitudine può quindi sfociare in un vero e proprio danno estetico ai mobili e all’arredamento, tuttavia se l’infestazione avviene all’interno delle travi del tetto, i danni possono essere piuttosto gravi, pertanto il problema non va affatto trascurato.
I tarli del legno, in Italia, sono anche noti con il nome di Coleottero, una specie volante che tende ad insediarsi in prossimità del terreno, deteriorando i tronchi degli alberi in natura e nei boschi. All’interno di una casa invece, il loro nutrimento si verifica rosicchiando il legno dei complementi d’arredo o di altri materiali in legno, nel quale prosegue la loro fase di sviluppo e dove si riproducono. Sottovalutare questo problema significa quindi potersi ritrovare in breve tempo dei grossi danni all’interno di un’abitazione, per questo è fondamentale riconoscere i tarli del legno e rimuoverli in modo definitivo. In questo caso affidarsi ad un professionista del settore garantirà un servizio efficiente e una buona riuscita dell’intervento e sbarazzarsi dei tarli non sarà più un problema.

Vedi anche  Rimedi contro le mosche

Come riconoscere i tarli del legno?Tarli del legno come sono fatti e come si riconoscono

Per individuare la presenza dei tarli del legno occorre prima di tutto essere ben informati su tutte le loro fasi di crescita che si suddividono in rosume, forellini, rosicchiamenti e ritrovamento di esemplari. Il rosume sta a significare la presenza di residui di polvere molto sottili depositati intorno i buchi. Si tratta di una polvere prodotta direttamente dall’insetto mentre scava il legno e che indica un’eventuale inizio di infestazione da tarli. I forellini, in seguito, indicano la presenza dei parassiti, i quali hanno formato dei veri e propri percorsi all’interno del legno mentre i rosicchiamenti possono essere avvertiti attraverso dei suoni provenienti dai mobili, questo fenomeno può significare che i parassiti stanno scavando le gallerie. Una volta terminato il ciclo di vita, gli insetti adulti muoiono in prossimità del legno da cui hanno tratto il nutrimento ed è possibile trovarli sulla superficie o rivolti per terra. In queste circostanze è molto probabile che i complementi d’arredo o le travi siano deteriorati e non è da escludere la presenza di uova al loro interno. tarli del legno come riconoscere? Trattamenti antitarlo? Scopri le info qui!

Come eliminare i tarli del legno?

I tarli del legno sono quindi dei coleotteri: nella loro prima fase di crescita sono delle larve, le quali poi si sviluppano nutrendosi del legno e uscendo fuori per riprodursi fino alla fine del loro ciclo di vita. Si tratta di insetti che possono anche volare ad un’altezza bassa, pertanto non possono percorrere lunghe distanze. Un’attenta osservazione è importante per saper riconoscere questa specie al fine di sbarazzarsene con metodi specifici prima che sia troppo tardi. Una volta accertata la loro presenza è infatti possibile ricorrere a diversi trattamenti anti tarlo: una soluzione fai da te molto comune ed efficiente è ad esempio l’uso del sapone di Aleppo, che può garantire ottimi risultati in breve tempo. In questo modo è possibile rimuovere i tarli, la presenza di larve ed evitare che il problema si ripresenti in futuro. Queste accortezze sono fondamentali per mettere al sicuro i mobili o le travi della propria casa.
Inoltre, per preservare il legno si può ricorrere a prodotti specifici come insetticidi oppure sistemi meccanici mediante strumenti appositi. Infine, per mettere in atto una corretta prevenzione al fine di evitare un’infestazione di tarli del legno, si consiglia di dedicarsi alla cura del mobile in modo regolare, pulendolo e lucidandolo con della cera. Questo accorgimento terrà lontane le tarme del legno e il rischio di invasione sarà ridotto.

Vedi anche  Processionarie rimedi: processionarie del pino, problemi con i cani e periodo