Differenza tra api e vespe

In qualità di disinfestatori, abbiamo riscontrato un alto numero di popolazione che non distingue la differenza tra ape e vespa.
In realtà, questi due animali sono molto diversi tra loro, sia morfologicamente che nello stile di vita; un esempio è la classica affermazione ”sono allergico ad api e vespe”, cosa non possibile i quanto il veleno è completamente diverso!
Analizzeremo quindi quali sono le differenze tra api e vespe e quanto sarà importante chiamare un esperto del settore per effettuare una disinfestazione efficace.

La prima analisi che si effettua è quella visiva, infatti a colpo d’occhio notiamo che entrambi gli insetti presentano il corpo suddiviso in tre segmenti: capo, torace e addome.
Notiamo inoltre, che sono provviste di tre paia di zampe, un paio di ali e infine un pungiglione, quindi da questa prima analisi, potrebbero sembrare abbastanza simili e chiunque si ritrovasse davanti questo insetto dovrebbe avere molta difficoltà nel distinguerle.

LE vespe

Differenza tra api e vespe

Nonostante questo, morfologicamente si evidenziano notevoli differenze:
la vespa innanzitutto, possiede un corpo più lungo dell’ape e sono sprovviste di peluria, il che rende il corpo liscio.
Un’altra differenza la si evince dalla colorazione, infatti le strisce nere e gialle delle vespe sono molto più accentuate e distinte delle api.
Infine le vespe presentano un pungiglione liscio e dritto, ben saldo in modo che l’insetto possa decidere quante volte sia necessario pungere la preda per renderla impossibilitata ad attaccare, infatti quando una vespa punge non muore.
Nel caso delle vespe, la puntura avviene solo da parte delle femmine che la utilizzano come metodo di difesa.

Vedi anche  Tarli del legno: come sono fatti e come si riconoscono?

LE api

Le api hanno una corporatura più tozza e pelosa, peluria che incide anche sulla colorazione, le strisce nere e gialle sono molo meno distinte proprio per la presenza dei peli.
La differenza più sostanziale in campo pratico sta nella puntura: come sopra citato, le vespe hanno un pungiglione saldo e dritto che gli permette di pungere ripetutamente la preda, l’ape invece possiede un pungiglione seghettato e ricurvo a forma di uncino (particolare forma che permette allo stesso di rimanere ben ancorato alla preda),

Differenza tra api e vespe

 che una volta penetrato nella vittima, si staccherà causando la morte dell’ape stessa.
La puntura per un’ape è l’ultima spiaggia, questo tipo di insetto infatti punge solamente quando sente che il suo alveare è in pericolo.

differenza dei nidi

Differenza tra api e vespe
nido di api
Differenza tra api e vespe
nido di vespe
Differenza tra api e vespe
nido di calaBRONI

LE PUNTURE

La puntura di una vespa procura dolore a causa del veleno e nei casi di allergia, può causare anche shock anafilattico.

La puntura di un’ape, non causa dolori troppo intensi, ma in caso di allergia il rischio è lo shock anafilattico.

METODI ALTERNATIVI ALLA DISINFESTAZIONE

Sigillare gli alimenti

Ogni alimento umano, rappresenta una possibile fonte di cibo anche per vespe ed api, è buona pratica quindi sigillare tutti i cibi aperti che poi verranno riposti nelle credenze/scaffali.

Attenzione allo zuccheri

Nella stagione estiva e primaverile, questi insetti tende a cibarsi di proteine, mentre in autunno e in inverno, vanno alla ricerca di zuccheri.
Lo zucchero allunga la vita di questi animali e ne favorisce la riproduzione, attenti quindi a non lasciare dolci e bevande zuccherine incustodite.